La lampada dei desideri: buoni propositi e
sogni da realizzare insieme ai bambini

A settembre chi non vorrebbe un Genio della lampada per ripartire con il sorriso dopo le vacanze?

Anche se non viviamo dentro la favola di Aladino, uno dei modi migliori per non farsi prendere dalla tristezza dell’estate finita è condividere con la famiglia desideri e buoni propositi e da realizzare.

Sognare ad occhi aperti è un’arte che i bambini conoscono bene ed è bello ogni tanto assecondarli per rendere le nostre giornate un po’ più colorate e piene di avventura.

Si può fantasticare insieme di viaggi in mongolfiera intorno al mondo, oppure si può restare coi piedi per terra, incominciando a fare una lista di cose che ci piacerebbe fare nel corso dell’anno. Che sia una nuova tappezzeria per la cameretta dei bimbi o un nuovo sport da provare, il segreto è coinvolgere anche i piccoli di casa nelle decisioni.

L’idea di poter cambiare in meglio la vita di tutti i giorni, introducendo qualche novità all’organizzazione della routine è molto stimolante e ci aiuta ad affrontare l’inverno con più grinta.

La lampada di Aladino, la fiaba giusta per
ripartire in grande

Sicuramente la favola di Aladino e la lampada meravigliosa, tratta da un racconto de Le mille e una Notte e da poco entrata anche nella collezione di FABA è ideale da raccontare e ascoltare in questo periodo dell’anno.

Ambientata in un lontano e magico paese dell’Asia, l’avventura del ragazzo Aladino e del genio della lampada, in grado di esaudire tutti i suoi desideri affascina i bambini da sempre.

L’idea di strofinare una vecchia lanterna e riuscire a esaudire tutti i nostri desideri è un sogno, ma la fiaba ci insegna anche che essere baciati dalla fortuna non basta, perché per ottenere quello che si desidera bisogna lottare. Il possesso della lanterna magica, infatti, non garantisce la vittoria sul Male: la lampada può essere smarrita o rubata e il Genio che la abita può donare tutto ciò che gli si chiede a chiunque.

Dunque, per realizzare i propri sogni è meglio affidarsi alle proprie forze e se poi ci capita di incontrare un pizzico di magia, tanto meglio.